Val Divedro: Alpe Veglia

Impegnativo tour in Val Divedro fino all’Alpe Veglia, con panorami mozzafiato.

 

I pro:

  • i panorami e le viste su imponenti tremila e passa (il Monte Leone per citarne solo uno)
  • l’appagante trail dall’Alpe Fraccia, La Balma
  • Le discese fatte a ritroso in quota (come vedrete nel video) e… ovviamente l’Alpe Veglia

 

I contro:

  • l’estenuante salita in poussage/portage da Ponte Campo all’Alpe Veglia (Cappella del Groppallo): ma il gioco vale assolutamente la candela
  • la discesa finale su asfalto.

 

Val Divero Alpe Veglia MTB

In realtà la traccia doveva essere diversa, o meglio volevo trovare vie alternative di discesa per non ripercorrere quelle sotto commentate.

Mi sono però reso conto che vie alternative di discesa non ce ne sono: crinali troppo esposti e pericolosi in quota (oltre ad ancora presenza di neve) e da San Domenico, sentieri che vanno bene per essere percorsi solo a piedi (in questo caso parlo dell’F14). Una citazione merita solo l’F12 che però ho trovato solo a metà della mia discesa esplorativa, che fino a quel momento si è rivelata come nulla di fatto.

La salita a Pian du Scricc: l’ho dovuta sospendere a metà per la presenza ancora di neve sul versante a nord (quota 1.900 mt. il 27/05/17). Non vi so per cui dire se vale la fatica arrivare fino a qui. Per il tratto che ho fatto posso dire che la loc. La Balma è molto bella, il resto del tratto nel bosco copre un po’ i panorami e si alternano tratti pedalati ad altri a spinta. Anche qui però c’è poi il bello della discesa tornando indietro fino a Veglia.

Il mio consiglio, dunque, è quello di seguire la traccia qui proposta e di fare varianti solo se effettivamente sapete dove andate a mettere le ruote.

 

Percorso

Partiamo da Varzo e seguiamo il fondovalle risalendo la valle a fianco del torrente Cairasca. La salita, asfaltata, aumenta leggermente di quota in direzione di San Domenico. Dopo circa 6,5Km abbandoniamo la strada principale per svoltare a sinistra su una leggera discesa che ci farà attraversare il torrente Cairasca su un ponte.

Da qui seguiamo le indicazioni per Trasquera.

Mappa Alpe Veglia MTB

 

Inizia, adesso, una facile salita asfaltata che ci conduce fino al paesino che lasceremo alle nostre spalle seguendo le indicazioni per La Sotta e Alpe Fraccia. Da qui inizia il tratto di salita più impegnativo che ci porterà in prossimità della pista di sci di fondo. Segue una corta discesa che ci condurrà a quota 1230 dove termina la strada asfaltata per proseguire sul Sentiero Italia, nel bosco.

Seguiamo le indicazioni per Nembro, attraverso una serie di saliscendi fino a Ponte Campo (1319 mt). Da qui inizia l’ascesa all’Alpe Veglia.

Inizialmente le pendenze sono significative fino alla sbarra che vieta il transito per i veicoli a motore. Da qui inizia un tratto difficilmente pedalabile, seguito da tratti ripidi e falsopiani che ci portano alla cappella del Groppallo (1723mt).

 

Alpe Veglia

 

Giunti a questo punto possiamo goderci i panorami mozzafiato sulla gola scavata dal torrente, fino ad entrare nella piana su un panoramico anello sterrato che ci fa fare un giro della conca.

Superate le cascate del Rio Frua, giungiamo all’abitato di La Balma dove, attraverso una strada forestale decisamente pendente giungiamo a Pian du Scricc (1940mt) punto più alto del nostro giro.

Il ritorno può essere fatto a ritroso (chiudendo l’anello fino alla cappella) fino a Ponte Campo, dove possiamo passare il torrente e proseguire, su asfalto, fino a Varzo

 

Alpe Veglia MTB

 

 

Video

 

Dettagli itinerario

Distanza 47 Km
Dislivello 1 618 mt
Durata 5 ore
Quota min 565 mt
Quota max 1940 mt
Difficoltà tecnica MEDIO/DIFFICILE
Difficoltà fisica DIFFICILE
Download Scarica traccia GPX

Mappa

 

Descrizione itinerario, traccia gps, foto e video ad opera di GIANNI – BLACK DEVIL IORIO che ringraziamo per la collaborazione

Sommario
Val Divedro: Alpe Veglia
Nome
Val Divedro: Alpe Veglia
Descrizione
Impegnativo tour in Val Divedro fino all'Alpe Veglia, con panorami mozzafiato fino a Pian du Scricc (1940mt) punto più alto del nostro giro.
Autore
Pubblicato da
MTBPiemonte.com
Logo